L’Istituto oggi

Il Centro Oto-logopedico

Il Centro si occupa di bambini con severi disturbi della lingua parlata e scritta e/o con sordità.

La scuola elementare e dell’infanzia del Centro sono riconosciute e parificate alle scuole pubbliche e ne seguono il piano di studio così da favorire, dopo un periodo con un approccio terapeutico intensivo, il reinserimento dell’allievo. L’Istituto Sant’Eugenio è attivo con  un mandato di prestazione da parte del Cantone.

Docenti, terapiste, educatrici e tutte le persone che lavorano nel Centro sono attente nel sostenere gli allievi “nel loro mestiere di apprendere” per costruirsi un futuro nella società e professionale.

Procedura d’ammissione

L’iscrizione degli allievi al Centro, che propone misure di secondo livello, avviene unicamente dopo le necessarie valutazioni da parte dei servizi scolastici, centrale è la presenza di un severo disturbo del linguaggio o dell’udito.

L’ammissione al Centro è possibile attraverso una doppia richiesta da parte dei servizi di sostegno della scuola regolare da un lato e dalla famiglia dall’altro, garantendo la premessa per un fondamentale lavoro d’alleanza con la famiglia e di motivazione anche da parte del bambino, entrambi partner essenziali del lavoro per garantire un ambiente sereno e sicuro.

Al termine di un processo preparatorio che inizia di regola verso fine gennaio in cui le varie parti interessate condividono la loro conoscenza della situazione e della struttura, si identifica il Centro come possibile contributo alla soluzione delle problematiche presenti. Le decisioni d’ammissione avvengono di regola entro fine maggio. L’obiettivo è quello di aiutare il bambino non solo a superare le sue difficoltà personali, ma anche di promuovere la socializzazione, cercando di garantire le opportunità d’apprendimento secondo il Piano di Studio, con un reinserimento nella scuola regolare.

 

Direzione:  Fabio Leoni

Composizione:
1 sezione di Scuola dell’infanzia
6 sezioni di Scuola elementare


Retta: secondo tariffa stabilita dall’amministrazione cantonale